Skip navigation

Ormai è passato un po’ di tempo dal mio primo ingaggio come producer/direttore del doppiaggio per uno dei giochi che sembra appassionare infinitamente un gran numero di persone: Killzone 2.

Essendo il mio primo lavoro, l’ho approcciato con il migliore degli spiriti, chiedendomi come possa annoiarsi, o non divertirsi, un vero direttore del doppiaggio (uno che lo faccia di mestiere). Ho potuto imparare un sacco di cose e ho potuto applicare una buona parte di esperienze pregresse in quell’estemporaneo impiego.

Qualche giorno fa, mi sono chiesto: “che fine avrà fatto?! Sarà uscito?! Che cosa diranno i giocatori del mio lavoro?!”. Lo diceva sempre la mia nonnina: “mai farsi troppe domande …”. E in questo caso, avrei dovuto ascoltarla.

C’è forum e forum pieni di soli insulti al doppiaggio italiano, voci che non piacciono, prese in giro d’ogni sorta e tanto altro.

Come al solito, il primo istinto e la gran parte di ciò che sento è: “sono un coglione!”. Ma poi, ripensandoci, mi viene da analizzare il tutto e, nonostante la prima impressione non muti, si può arrivare a qualche conclusione (che spero possa essere corretta e condivisibile).

La modalità di doppiaggio di questo gioco è stata “a nero” (ovvero senza video), ma con un audio di riferimento. Non è la condizione migliore per lavorare, ma non è nemmeno quella peggiore (e lo dico con cognizione di causa, visto che l’ultimo lavoro che ho fatto, non prevedeva nemmeno l’audio originale … tutto andava fatto così … come viene (e come posso assicurare d’aver interpretato correttamente una frase?! Una scena?! Una situazione?!)).

Questo mi porta a pensare che:
1 – l’obiezione sarebbe circoscrivibile alle sole “tonalità” o “timbri” delle voci, visto che i doppiatori hanno solo reinterpretato ciò che veniva loro proposto in cuffia, senza sconvolgere significato e “sonorità”;
2 – la “presenza” che si ha in ogni doppiaggio italiano, perde quell’ambientazione tipica di un prodotto estero (ma questa obiezione sarebbe corretta per i film, durante i quali l’audio originale è in presa diretta e include ambiente e sfumature che PER FORZA, in studio vanno perse);
3 – sia gli attori che il sottoscritto, non hanno compreso appieno il gioco e tutte le implicazioni conseguenti.

Concordando sul fatto di aver ricevuto testimonianze credibili su doppiaggi scandalosi (in cui si sentivano accenti e inflessioni regionali) e tenendo presente il fanatico rifiuto di quasi tutti gli “estremisti” (sia cinefili che ludomaniaci) per il doppiaggio in sé, non posso che sperare di migliorare in futuro (sperando di averlo, un futuro in questo campo) e cercare di pretendere una maggiore cura da parte di tutti i soggetti interessati. Prima fra tutte la casa produttrice, perché è realmente un peccato stare a creare un prodotto grandioso, destinato a un pubblico internazionale, per poi non curarsi di un ingrediente fondamentale quale l’audio.

Posso capire che tutti gli appassionati, di solito, sono anglofoni di ritorno e preferiranno sempre l’audio originale, ma le masse di giocatori sporadici che vorrebbero vivere un’esperienza il più possibile realistica, hanno tutto il diritto di non dover storcere il naso davanti a qualcosa che deve passare liscio e inosservato come quando gli ingranaggi girano perfetti.

Rimane il fatto che ho lavorato con gente splendida, disponibile e simpatica, ho imparato molto e, anche se mi sento un po’ uno schifo per il feedback degli utenti, spero di aver aiutato a creare ingranaggi non troppo grossolani.

Buono sparatutto giocatori

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: