Skip navigation

È un po’ sempre quel discorso di pisciarsi vicino ai piedi … prima o poi quella nuvola d’energia, bellezza e amore, mi manderà a cagare a quattro mani.

S’è in un periodo strano, noi. Più che altro perché lei è in un periodo strano.

Io, ovviamente, me ne accorgo con la dovuta lentezza e prontamente non so che fare e come. Mi preoccupo più di quanto far ruotare intorno a me, piuttosto che sorreggere e far domande. Stupido, stupido, stupido. Oggi, poi, il dialogo è stato alquanto assurdo, se visto dall’esterno.

Lei – scusami, sono una palla, mi odierai
Io – tutt’altro, mi spiace vederti così, più che altro non vorrei essere io la causa di tutto questo
L – macché, perché?!
I – che ne so, perché sono egoista
L – no non so perché sto così … sì, avrei voglia di stare da sola, ma so anche che non mi aiuterebbe
I – beh, se ti può far stare bene, non vedo perché no
L – ma io non sono mai stata bene da sola, credo che la voglia nasca dal fatto che non mi sento più la stessa e non mi piaccio … ma tu riusciresti a stare senza di me?!
(ok, se non avete sentito, quel boato era il mio cuore caduto nel fondo dell’abisso)
I – n-no …
> silenzio <
I – aspetta … intendo … se il legame dovesse rimanere, ma tu dovessi aver bisogno di stare sola, lontana da me e da tutti … ovvio … ce la farei, sarebbe per il tuo bene … ma se tu … se … insomma, se non ci fosse più il legame … insomma … è naturale … fosse per il tuo bene … lo accetterei … ma no … non …
> silenzio <
I – ma …
> silenzio <
I – spetta … cosa ti aspettavi rispondessi?!

Intendo, non solo non sono capace di comprendere i problemi altrui (figuriamoci il figurarmi soluzioni), ma ne instillo anche di altri, che prima non si affastellavano sul mucchio … bravo, no no, braavo … ‘mplimenti!

Insomma, io sono un po’ una chiavica a livello sentimentale-emotivo-cerebrale, ma riconosco che la persona che mi sta vicina, mi ha aiutato più di chiunque altra a superare problemi, crisi e offuscamenti; da una parte ora vedo quanto possano suonare assurdi dei pensieri che si fanno quando si traballa troppo (“mi spiace per te, che mi vedi sempre così e sono una palla e ti creo problemi e non devi e che te ne fai di una persona così”), dall’altra mi accorgo di non aver capito un cazzo di niente e di essere totalmente inutile. Quindi come posso spiegarle che:

– è la persona più importante di questo strano viaggio e vorrei potesse sorridere del meglio e sognare
– non è e non sarà mai (per quanto nelle mie possibilità e in quelle della parola “mai”) un peso o un problema per me
– non ha che da chiedere, dire o scrivere ciò che vuole da me e io, sinché ne sarò in grado, proverò a farlo
– se il suo bene comprende la mia assenza, sono pronto ad affrontare anche questo
– non so di preciso perché, ma la amo; e questa, unita a tutti i motivi che conosco perfettamente, è una delle cose più splendide che ci sia tra noi (è ancora e sempre una sorpresa, c’è qualcosa di meglio?!)

E devo smetterla di questuare colpe, altrimenti finirò per riceverle.

So benissimo di non poter pretendere nulla da nessuno al di fuori di me, quindi non basterà mai l’amore o la volontà mia, perché lei mi accetti e ricambi; ma so chi sta peggio fra i due e, in questo momento, mi sento inerme e incapace e inutile, di fronte al tremolio delle gambe che ho imparato a fare anche mie. Mi accorgo di quanto il mio chiedere aiuto, non sia stato altro che un chiedere aiuto, senza agnizione o coscienza. A quest’ora dovrei essere maestro nel sostenere qualcuno … e invece penso a instillare dubbi, a chiedere di me, a fare battute del cavolo per stemperare la situazione.

Ora lei penserà il contrario, ma so per certo che uscirà da questo periodo ruvido; e, di certo, ce la farà da sola, il mio supporto sarà insignificante. Anche questo è uno dei motivi per i quali voglio essere suo (l’amore è sopravvalutato, penso si debba riscoprire l’abbandono all’altro). In fondo siamo tutti egoisti, anche se non lo ammettiamo.

E chi non vorrebbe vicina la versione migliore di sé?!

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: