Skip navigation

La “fretta” di traslocare era data dal ritorno dei miei genitori. Ma se la speranza che la vacanza portasse calma e serenità è svanita al quarto minuto di “ma” e “però” e “non” e “avresti”, pronunciati da mia madre con ancora indosso il cappotto, il sentimento di disarmo è tornato con un ritardo di qualche ora in più.

Non mi importa non abbiano ancora visto il risultato del trasloco (non sono saliti in “casa mia” a guardare, lo faranno nei prossimi giorni), ma mi fa scuotere il capo e cadere le braccia quel particolare che mi si rinfaccia, per screditare ogni minima indipendenza (vera o presunta o pretesa).

Capita che loro siano invitati a cena fuori, per il loro ritorno. Benissimo.
Capita che io debba uscire di casa per un’oretta, prima che loro partano.
Mi preparo ed esco dalla MIA porta (finalmente ho una porta d’ingresso!), prima di uscire accendo la luce che pende rozza fuori dal portone. Il mio babbo azzarda un: “perché esci da lì?!”, ma si accorge subito della vuotezza della richiesta e la mia risposta viene troncata da un “no, intendo, perché accendi la luce di lì?!” e io rispondo: “beh, perché quando torno, almeno vedo dove sia la toppa e riesco ad aprire. L’abbiam sempre fatto anche con l’altra porta” … “NO (quanto gli piace a lui quel “no”) … noi la teniamo accesa quando SIAMO in casa”.

Me ne vado dubbioso e con quel latente senso di colpa che son sempre abilissimi a mettermi, anche quando postulo di non averla. Una volta finita la commissione, ritorno. I miei stanno uscendo. Salgo in casa mia e sento da fuori il babbo che chiama.

“Dimmi!” chiedo dalla finestra, “Adesso che sei tornato, spegnila!”

..
.
..

“Ma l’hai detto tu che la tenete accesa quando SIETE in casa”
“Scuuuusa, non parlo più” alzando le mani come puntassi un arma.

Ora … io capisco d’esser l’ultimo arrivato e di essere spocchioso nel dire che mi piacerebbe aver ragione qualche volta (c’è chi mi conosce meglio di me che presume io la voglia avere sempre … ma sto cercando di smettere 🙂 ), ma com’è che come faccio sbaglio?! Com’è che mentre il mio babbo faceva manovra, io son sceso a spegnerla, quella cazzo di luce?!

E nel sedermi qui, dopo, ho sorriso, perché il portone dei miei è bello illuminato.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: