Skip navigation

Giusto di questo parlavo l’altro giorno, di quella sensazione buona e tiepida, che provi quando sorridi abbassando le spalle ed espirando.

Anche oggi ero in coda, anche oggi s’è protratta più del dovuto, forse più dell’umanamente sopportabile: 1 ora e 30 per 7,1 chilometri. Ma oggi è stato uno di quei giorni belli di cui narravo.

Una coppia di vecchini mi si affianca, loro con l’aria condizionata, io con i finestrini giù. Loro parlottano… e io canto.

Passo e passano, si muove la loro fila, si muove la mia. Cambiano fila e mi passano a destra. Cambiano di nuovo e mi passano a sinistra. Tutte le volte mi guardano fisso… e io canto.

Quando comincio a pensare di avere qualcosa come un’enorme montagna di cacca piccionesca sulla fiancata, oppure un enorme corno mutante, che mi spunta dal centro della fronte; mi viene l’idea di provare a leggere il labiale… mentre canto.

Ovviamente non so cosa si siano detti, ma penso proprio di averlo capito comunque.

L’ultima volta che mi si affiancano, la signora al posto del passeggero abbassa il finestrino e tende l’orecchio… sente finire Big me dei Foo fighters, ascolta l’inizio di Tones of home dei Blind melon e sorride.

Come me mentre canto.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: