Skip navigation

Noto le cose, quando capitano, ma non sempre riesco a costruire qualcosa che si possa chiamar pensiero, una struttura che mi si sollevi in volo, volteggi, plani, sorrida e poi scenda. Non sempre. Ma a volte passi sopra qualche città, un po’ di paesi, delle montagne e un sacco di laghi, che un pochino ci pensi a unirli in una mappa, a farli somigliare, a tenerne traccia e portarli con te.

In questi giorni ho notato sempre di più un qualcosa che avevo già visto, sentito, provato. Una costante necessità di attaccarsi al tempo. Le persone hanno una tale paura del tempo, che non riescono a fare a meno di dargli un peso che non ha.

Senti alla radio che ogni santa cosa “non è mai stata così [aggettivo a piacere] dal [anno a piacere]”. Ciò significa che quel “mai” è una cagata, ma soprattutto che in quell’anno era uguale a oggi. E allora mi chiedo: se non fa così freddo dal 198*, io son morto allora?! No. Vabbeh, allora magari sopravvivo anche adesso. La benzina costava così anche nel 200*, guido uguale ad allora, il mio stipendio è uguale, ma in più ho un telefono nuovo, una casa, più libri e più amici; mi importa così tanto?!

Poi c’è l’assuefazione dei più, a quella corsa contro il tempo (ma non perché ti viene in direzione opposta, ma perché tu vuoi esser più veloce di lui a tornare indietro). La critica che si destina a chi fa le cose con calma, precise e magari meglio, è: “NON HA FRETTA”…
..
.
Ora.
Analizziamo la cosa.
La parola fretta è associata quasi sempre a qualcosa di negativo: “non mettermi fretta, che poi faccio male le cose”, “ha fatto in fretta e furia, è venuto male”, “ho dato un’occhiata di fretta, non ho guardato bene”… com’è che improvvisamente passa dall’altra parte?!

Posso capire l’idea che del “doman non v’è certezza”, quindi se hai da fare qualcosa, magari è meglio tu la faccia quando puoi o devi, così che gli altri la possano sfruttare in futuro; ma siamo proprio così tanto certi di esser così fondamentali, al mondo?! Siamo così dannatamente unici e inimitabili e indispensabili?!

Non è che perché io son lento, ora voglia costruirmi alibi o giustificazioni, è proprio che mi sembra tutti corrano sulle scale mobili contrarie. E poi io non sono giustificabile, sono uno scansafatiche e lo ammetto. Sulla lentezza, poi, non ci posso fare molto, così son nato e questo mi tengo: le cose le capisco quando ormai non serve più, le battute mi vengono una volta inutili.

Ma un esempio fra tutti è quel che capita dopo il racconto di un aneddoto del passato, oppure davanti alle foto. Io son così lento, che alle donne piaccio in ritardo.

Annunci

One Comment

    • Simona
    • Posted febbraio 28, 2011 at 09:46
    • Permalink

    Ahahahah! Sei grande!!


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: