Skip navigation

Monthly Archives: aprile 2011

Oggi mi lascio esser fragile.

Adulto. Ma fragile.

E un adulto fragile è un limite labile, che non sai mai se stai di qui o di là. Io mi sa che ci son nato, così. Al limite, non fragile o adulto, dico, son nato che sto sempre al limite.

E mi sto sul cazzo anche per questo. Perché mi vien da vomitare a pensare che dopo 12 anni d’amore per qualcosa che mi ha fatto sentire vivo, io non possa sentirla più, non possa farne più parte. Ma sono adulto, quindi so che è irrazionale accanirsi su strade differenti, per ragion d’amore. L’amore è un po’ ovunque, la ragione è in testa. Quindi la mia pancia si ribalta per fermar la mente e il cervello si difende, perché, semplicemente, ha ragione. E mi gira che mi vien da vomitare.

E le teste e i cuori che si sono aperti a dirmi “è giusto così”, c’han messo sangue e bile e freni e “forse…”, prima di essere adulti con un adulto come me.

Io mica ho voglia di essere adulto, adesso, ho voglia di piangere come un bambino e lasciarmi andare a urla e strepiti, ma senza nessuno attorno, un po’ perché, anche se dimenticata e presa in relativo conto, ho una dignità, ma soprattutto perché non voglio rompere il cazzo come i bambini piagnoni. È una cosa mia, me la voglio piangere io.

Però è il modo migliore di prenderla, da adulti: “le strade corrono e si diramano, è naturale… convogliano, a volte… a volte proseguono per miglia e chilometri e mondi e pianeti… fino a scomparire insieme… a volte è necessario che si diramino. È come crescere. Anzi, è proprio quello. Per crescere si ha bisogno di un sacco di cose. Io sono stato una di queste cose. Sono stato fondamentale… molto più di tante altre esperienze, molto più di molto altro. Non lo sono più. Giusto che io non freni, non tiri altrove e non pretenda assurdità”.

E mi incazzo anche, ma stavolta volutamente da adulto. Perché mi faccio incazzare che ho dato per scontate cose, che ho preso sotto gamba idee, progetti e forze, che a furia di rimandare, mi sono rimandato da solo… affanculo.

Ed è naturale che il tempo abbia rinsaldato legami e posato affetto, ma è quasi un onore il guardare un bambino, ormai adulto, che adesso cammina da solo. La mia mano l’ha tirato, l’ha aiutato, l’ha fatto saltare, giocare, perdere e poi ritrovare; ora, semplicemente, lo spinge e lo saluta, prima di cadere nell’errore di trattenerlo.

Vi amo per quello che m’avete insegnato ad amare: quello che è stato, quello che siete (ognuno di voi, singolarmente, e come gruppo) e quello che sono. Quel che è costruito, in me non cade.

Grazie amici.

Stamattina ho approfittato del calo di lavoro, per prendermi mezza giornata e fare quel che non riesco mai a fare nei week-end, piccole commissioni e spesa, niente di che. “Ma c’è stato il week-end lungo, non potevi prima?!”. Diciamo che ho avuto dei piccoli problemi a mantenere all’interno del mio corpo i liquidi, in questi giorni. Facciamo che tra sabato e domenica il mio PIL ha preso ogni via possibile per l’estero… ecco.

Dunque capita io abbia bisogno di verdura. Quindi vado in un piccolo ortofrutta qui vicino. Mi metto a prender pomodori, mi metto a osservare patate e mi appropinquo al frigo, in fondo, vicino al magazzino aperto. Sento voci che si lanciano invettive amicali su mancanze e problemi, sento un accento straniero che commenta molto fine e puntuale. Poi mi sposto di qualche passo e appare una figura che chiama la commessa.

Non appena mi volto a guardare, l’accento straniero di prima, in un ragazzo alto e magro e ben tenuto, mi rivolge un: “buongiorno” educato. Ricambio.

Poi la commessa va in magazzino (eravamo due clienti, io e una vecchina, la mattina del martedì, se lo poteva permettere), torna e con lei il ragazzone: “hai i tuoi guantci?!” “Sì” risponde lei, “Bene, allora mi mettci via questci per favore?!” e le piazza una cassetta di qualcosa ai piedi del frigo. Proprio di fianco a me che guardo i salumi e i formaggi.

Al momento non lo noto, il posto è piccolo, io mi sto passando con calma tutti i prodotti. Capita.

Poi mi sposto all’ultimo ramo, passo in rassegna altra frutta, altri sottaceti e succhi e mille cose che più naturali non si può. “Uh! Ecco cosa mi andrebbe!”, torno alla colonnina e mi prendo un ultimo sacchetto, con la mano carica di borsine e quella guantata inutilizzabile, passo cinque minuti a tentare di dividere un lato del sacchetto dall’altro. Finalmente ci riesco e mi metto a passare in rassegna gli oggetti del mio desiderio.

Non penso sia passato mezzo minuto.

Una presenza alla mia destra.

No, non è la vecchina.

No, non è la cassiera.

“Questcio” mi indica sicuro.

Io son lento e non ci arrivo subito, ma tocca con la mano nuda l’ortaggio.

“Non si preoccupi, le mie mani son pulitce”

Nicchio come a dire: “non mi son mai preoccupato di meno in vita mia”

“Sa come si capisce?!”

“No, in effetti…”

“Il finocchio è bello quando qui è bianco, vede?! Il cuore è pulitcio”

Io in quel posto ci torno, perché la merce è buona e il personale è gentile, ma spero non abbiano mai offerte sul culatello, che non voglio me lo tocchi a mani nude, seppur pulite.

Ieri il mio indirizzo di posta è esploso in un messaggio a tutti, ma proprio tutti, i contatti che ho in memoria. Mi son ritrovato con una fila di avvisi di mancato recapito, che a giustapporli, ci si copre mezza Cina. Questo fa capire che un sacco di gente cambia indirizzo di posta, cosa che in vita mia ho fatto due volte (una a malincuore e una volta ho deciso che me lo tengo lì, lo apro ogni tanto); sarò lento, ma io c’ho mezza vita, in questo indirizzo, pensare di cambiarlo mi piange il cuore. E non è che mi rompa per spocchia, è che ho un sacco di iscrizioni a robe che non ricordo, ma che tornerebbero utili, prima o poi; ho il telefono sincronizzato con quello e rispenderci il tempo, sarebbe un po’ una rottura; ma soprattutto, ho sempre visto il mandare “questo è il mio nuovo indirizzo”, come un “ehi, sappiate che esisto, ho una vita interessantissima e mi evolvo”, oppure come un’imporre una presenza non richiesta, come l’amico che arriva presto alle feste di compleanno per dirti: “ti serve una mano?!” e poi rimane lì seduto per il resto del tempo a ridere asincrono e tentare di dire cose fuori luogo.

C’è anche l’aspetto più pratico-dinamico: nella posta ho un sacco di dati, miei e non. Mi spiacerebbe esser causa di invasioni altrui nella privacy di chi ha avuto la malaugurata sorte di ricevere un mio messaggio in passato. Uno potrebbe risalire al numero di telefono di amici, potrebbe risalire a IBAN di parenti, insomma, cose pratiche, che in mani terze, non sarebbero così innocui quanto sono, se restano nelle mie.

Infine c’è il lato utile: ma che diavolo ho di così importante, io, da dovermi scardinare l’indirizzo, per rompere i coglioni alla gente che conosco?! Che guadagno hai dall’inviare un messaggio un bel po’ strano (era tutto in inglese, con un link, senza firma, senza oggetto… bah) a gente che non si ricorda nemmeno più chi io sia (una persona contattata per lavoro, tempo addietro, m’ha risposto in inglese dicendomi “io non so chi lei sia, non mi scriva mai più!”)?! Perché uno dovrebbe fare click su un link così sospetto?!

E mi fermo a pensare che ho affidato a un qualcosa che potrebbe sparire, tante informazioni che mi potrebbero tornare utili; che tante persone m’hanno avvisato, grazie, e a tante ho dovuto spiegare cosa sia successo; che c’è chi fa queste cose, per denaro; che quasi tutto è totalmente inutile, se togli il denaro. Ci siamo ridotti davvero a questo?!

Quindi ho pensato che quella strana sensazione di necessità, che ogni tanto mi prende (e non è un’urgenza), dovrò assecondarla più spesso: essere chiaro e chiarire. Ti amo?! Te lo dico. Ho bisogno?! Te lo chiedo. Sei uno stronzo?! Sei uno stronzo!!! Voglio scrivere un libro?! Mi ci metto. Ho da assestare casa?! Mi prefiggo un termine e la assesto.

Ho il virus del procrastinare e non lo voglio. Ho il virus dell’ipocrisia e non lo voglio. Ho un virus nella posta e non lo voglio. Ho il virus dei viri e non lo voglio.

Gli uomini sono il più diffuso virus sulla terra, lo diceva Matrix e lo dicevano tanti altri, non sono il primo e non è il luogo per andare a fondo alla questione; quel che interessa è che riconoscerlo è solo il primo passo per debellarlo o andargli contro, incanalarlo verso qualcosa di costruttivo, di buono, di utile, di positivo.

Una volta ho ricevuto un complimento: “tu non sei un quaquaraquà”.

Voglio continuare a meritarmelo.

Insieme con il fatto che l’abitudine porta a spingersi sempre oltre ai se stessi di prima, i momenti hanno anche un altro fardello sulle spalle: quanto vali ora?!

Ho una stupida concezione errata del merito e non riesco a dirimere la questione.

Molto spesso, davanti a un’opera d’arte mondialmente riconosciuta come tale, io non provo nulla, oppure non arrivo a capire che parte di essa (Mulholland Drive è un gioco che mi piace tantissimo, è una sfida splendida da affrontare, Inland Empire è una cagata… per dire). Mi ritrovo a chiedermi se non sia necessario avere una scala, un modello o un metro, per capire quanto valore intrinseco abbia la struttura e tutto ciò che non è misurabile è estro, fantasia, valore aggiunto e guadagno. Arte, appunto.

Guardando i disegni al Museu Picasso, per esempio, mi ricordo d’aver notato due cose, aveva modelli superdotati e sapeva disegnare assai bene (che uno, magari, può pensare che lui si sia inventato quella cosa lì del cubismo per giustificare il non aver tecnica).

Invece poi trovi delle band di “mal trà insèma” (come diceva mia nonna: “mal assortiti”) che non ne azzeccano una e si beccano gli stessi applausi che ti sei beccato tu, dopo 12 anni che ti migliori, cerchi di dare il massimo e cominci a pensare di esserci riuscito.

E allora ti auto assolvi tentando di spacciarti la bugia che non ti capiscano (se perseveri in questa pazzia, rischi tangenti autoindulgenti sconsigliabili), oppure che non capiscano nulla in generale (e qui passi dalla parte del torto a prescindere: se uno ha problemi con uno, la colpa può essere al 50%, ma se uno ha problemi con tutti è molto raro che tutti sbaglino (le eccezioni sono rarissime, ma una volta morto, il genio viene valutato correttamente (magra consolazione, lo so))). Io, invece, mi chiedo se il gusto sia sufficiente per spiegare e giustificare l’apprezzamento massivo di un’opera o un artista.

Perché a me i Depeche Mode fanno cagare. Ne ammetto l’importanza nella storia della musica moderna, leggera, pop, techno e quel che vuoi, ma a gusto, mi fan cagare. Sono diametralmente opposti al mio senso del suono, del ritmo, delle scelte d’arrangiamenti. Tanto che le cover altrui dei loro pezzi, arrivano a piacermi. Questo mio detestarli non li svuota del loro “perché”, non li rende meno fondamentali o da censurare come incapaci.

Ma allora dove sta il limite tra le peggior band del mondo e Kandinsky?!

A me Kandinsky piace. Non lo capisco, se non me lo spiegano, ma mi piace. Ha un gusto affine al mio, quindi, a pelle, mi piace. Ok, non mi piace come Friedrich, che è più terra-terra e lo capisco più facile, ma mi piace. Un buon 60% dell’arte moderna, oltre a non essere al mio livello concettuale di comprensibilità, mi fa spesso cacare anche di gusto. È grave dottore?!

Ma non si può applicare a tutti il metro di Picasso, perché ci sono autodidatti che non son passati attraverso le “pene” dell’esercizio e delle esperienze altrui, prima d’arrivare a una propria forma d’espressione. E sanno esprimere cose incredibili attraverso opere che non necessitano nemmeno di avere alle spalle un macigno di conoscenza didattica.

E non si può nemmeno utilizzare il solo metro del gusto, oppure l’unione del gusto con il momento (perché a volte io noto film che m’avevano sempre ispirato poco, che mi squarciano l’anima per la bellezza). E c’è anche quella subdola fregatura del salto mortale.

Il salto mortale è una di quelle cose che tu ci rischi la vita, ma all’atterraggio, sei messo uguale a quando sei partito (magari ti viene un po’ più da vomitare, ma son dettagli). E allora ci son quelli che fanno un passo, senza fare tutta la fatica del salto, e ti arrivano allo stesso risultato, prima e, magari, con maggiori apprezzamenti da parte del pubblico (prendi Biagio Antonacci o quelli lì… c’è più volte “amore” nei loro testi, che nella bibbia (ah, no… esempio sbagliato… vabbeh, s’è capito)… e loro non son passati attraverso le sevizie o le pene di Gandhi e di chi s’è fatto il salto mortale nel dolore, per arrivare a predicare la verità pura che c’è nell’amore).

E oltre a questi, ci sono milioni di fattori: il commercio, la mafia, gli standard che si abbassano, la brevità del successo, la bellezza fisica (naturale dote, non certo talento) e mille altri.

Quindi, cosa rende meritoria un’opera d’arte o un artista o anche solo una persona?!

Forse i fattori sono troppi, ma le prime due regole che mi sono imposto, sono:
1 – bisogna cercare di partire senza aspettative, tutto quel che viene è guadagnato
2 – un’opinione personale è come il buco del culo, ognuno ha il proprio e non è detto che sia profumato.

Parte tutto da un concerto, un bellissimo concerto.

Domenica sono andato a sentir J Mascis. Questo omone capelluto, che somiglia sempre di più a uno yeti, sia per postura che per canizie, è passato per portare il suo nuovo disco acustico, il primo con inediti, senza i suoi fidi dinosauri. Passa al Bloom e rimane fuori a parlare con i suoi amici (o forse ad ascoltare, visto che dice una parola al giorno, quando si sveglia spigliato), poi entra, sale sul palco, prende la chitarra, suona mezzo accordo, accorda, posa la chitarra ed esce. Poi torna, “hi, thank you”, suona, “bye, thank you” ed esce.

Tutto con la lentezza che lo contraddistingue. Che più che lentezza è un’inesorabilità che si trova anche e sempre nei suoi testi. Lui è uno che più che vivere, è vissuto. Nel senso che è la vita a vivere lui; lui sta lì e osserva, ascolta, prende, rielabora, mangia… e poi ti mette lì, come un orso buono, un pezzo di argilla dalla forma splendida. Triste, ma splendida. Struggente.

Lui ha questa cosa che ti fa sembrare facile quel che fa. Lui suona  e intanto beve, pigia i pedali e sembra non sapere come fare un sol, ma in dieci note ti trovi altrove e ritorno, senza nemmeno essertene accorto.

E tu non puoi che ringraziarlo, imparare e portarti a casa tutto.

Ma a pensare, cominci lì, cominci quando le note te lo fanno fare. Stai pensando che quella canzone è su un cd che hai dato a un amico e non glielo chiederai più indietro, quando uno ti spintona, puzzolente, e ti risveglia:
– NOOO… J Mascis!!
si gira a dire all’amico che si porta dietro. Ti si piazza di fianco, lasciando i tuoi amici a guardargli la nuca e la camicia di flanella (DI FLANELLA A UN CONCERTO!!! Ma allora ti piace il tuo odore di vomito d’orco).
– Scusa!?
– Oh
– C’è gente che…
– Oh, amico, è J Mascis, il mio mito…
– Penso lo sia un po’ per tutti… e c’è qualcuno che se lo stava guardando con calma…
– Ok, scusa
e fa un passo indietro… per mezza canzone, poi spintona il triplo e passa oltre, arrivando in terza fila.

Ora, mi son stato sul cazzo da solo, perché la spocchia con cui l’ho apostrofato, avrebbe riempito il locale, ma tutto questo m’ha fatto riflettere (effigurati se non arriva il pippotto…):
1 – non ricordo perfettamente la conversazione, è andata più o meno come l’ho trascritta, ma quello deve aver detto davvero “amico”… e per un adattatore è come accusare una catena di fast food per l’obesità dei bambini: “sei stato tu a farmi dire questo!!!”;
2 – che diritto ho, io, di impedire a uno di avanzare?! Ma questo pensiero l’ho buttato via subito, perché è stato sicuramente generato dal pessimismo cosmico del J, e poi perché il mio diritto di dirgli con gentilezza che tirare gomitate per star meglio degli altri è sbagliato, ha sicuramente più ragione del suo tirar gomitate;
3 – che cazzo me ne frega del tizio che passa?! Son qui a sentire il Mascis!!! Ci sono venuto da solo, ci sono venuto dopo due giorni di assurdo degenero addioalcelibatico, ci sono venuto spendendo 15 euro (che non sono 12, ecco, che è tutta un’altra cosa); godiamoci il Mascis, punto.

E mi son rituffato nel fiume e mi son ritrovato a imparare un sacco di cose. Avevo invitato una persona quasi sicuramente digiuna di Mascis, convinto potesse piacere, ma, una volta lì, ho pensato che anche acustico, non è proprio il più facile da approcciare, come artista. Uno che fa partire la loop-station con cinque accordi e ci sta sopra 6 minuti ad assoleggiare, non è Joplin che suona “The entertainer” (trovatemi qualcuno a cui possa non piacere sta canzone!), per dire.

E allora m’è tornato in mente un salterello di pensiero che m’era sorto poche ore prima, durante il viaggio di ritorno dall’agriturismo: il festeggiato prende il microfono dell’autobus che ci ha scarrozzati per ore e giorni e arringa concludendo con “ho i migliori amici del mondo!!!”.

Quante volte l’avrà sentito dire l’autista?!

Personalmente era il mio primo addio al celibato, mi sono divertito un mondo, per la gente (non certo per il locale e l’atmosfera capodannesca, s’è toccato picchi di volgarità che tutti, una volta sobri, hanno commentato tappandosi gli occhi), ho conosciuto meglio alcuni amici, ho visto mille sorrisi e brindisi e pacche e accordi e perfezioni. Ma lui, l’autista, quante volte avrà visto gente uguale e diversa da noi, quanti diranno le stesse nostre parole, quanti crederanno di essere i migliori amici del mondo?!

Tutti. Ma è giusto così. Il Mascis è il mito di quello lì davanti, che parla ancora con il suo amico, anche se quest’ultimo è rimasto lì al mio fianco (quindi urla, suscitando un po’ di ira in chi cerca di sentire il concerto, lì intorno), ma è anche il mito del centinaio di persone che sono lì.

E cosa rende uniche tutte queste situazioni?!

L’io, l’esperienza, il contesto, la vita in sé. La medesima magia che è il crescere.

Io ho deciso che per me è magia, quella del crescere come sei. Tu nasci ed è un fatto. Impari le cose che i tuoi genitori, o chi per essi, ti insegnano, ed è un fatto. Vivi, subisci e padroneggi tutte le esperienze che ti capitano o cerchi, e anche questi son fatti. Ma l’indole?! L’attitudine con cui fai tutto?! Quel tuo puro e profondo modo d’essere che hai tu, è tuo e di nessun altro, che definisce il tuo carattere, che ti fa essere, che ti fa decidere se essere buono o cattivo o entrambi. Ecco, quello è magia. O sogno. Che poi è la stessa inspiegabilità.

E allora io sono lì a farmi cullare dalle note e a cullarmi volontariamente, nello stesso istante. Attivo e passivo essere che vive quel momento. Arrivato lì grazie e nonostante tutti i momenti passati. Perché?! Magia.

Non credo in un dio, credo nella differenza e unicità di ognuno e credo di avere bisogno di tutta questa diversità, per prender forza dall’unicità. I tizi che mangiavano davanti a noi, sabato sera, avevano i modi, le parole, quasi anche le facce di quelli che al massimo aspirano (oltre che la coca, per essere in) al grande fratello, ma per loro, tra loro, con loro, erano perfetti ed erano i migliori. Noi, lo eravamo per noi, tra noi, con noi.

Bisognerebbe saper sintetizzare questi concetti, scriverci un libro, o anche solo una canzone con un testo. Ma non ne son capace, mi limito a sentirmi grato di poterli vivere.

Ho letto da qualche parte che, in filmografia, perché la maggior parte degli spettatori capisca un concetto o si fissi in memoria un particolare che si vuole passare, bisogna farglielo vedere o sentire tre volte.

Già questo fatto del 3 e non del 2, mi piace assai, che dal post scorso s’è capita la mia avversione per il 2 come limitata apertura mentale comune. Il “mu” zen è sempre una risposta auspicabile e da prendere in considerazione. Ma non divaghiamo.

Quel che mi è venuto in mente ieri, in auto, andando al lavoro, è che spesso mi accorgo di aver pensato cose, in sprazzi di lucidità, magari quando avevo 16 anni, e di averle accantonate o affastellate lì, per un uso futuro. Poi le ho dimenticate. Ecco, riscoprirle è una cosa bellissima, quasi da pensare di dimenticarle apposta, per sentire ancora quel sorriso frizzante.

È successo una volta, quando mi sono accorto di essere diventato geloso, solo dopo essere tornato a pensare sia una subdola e assurda pretesa di possesso. Mi è successo mille volte, quando mi accorgo di trovare belle delle persone che altri dicon brutte o passabili, solo perché guadagnano in intelligenza, cultura, simpatia o arguzia. Oppure, viceversa, di trovare brutte delle persone universalmente ritenute carine o belle, per manifesta stronzaggine, scemenza, sicurezza di sé e mancanza di cervello, tatto o compassione.

Ieri ho riscoperto “Fuel”, una canzone di Ani Difranco. Sta in un album che ho comprato nella scia di tutti gli altri. Ai tempi mi piacevano alcune canzoni, altre meno, altre ancora, come questa, sapevo avessero qualcosa di incredibile al proprio interno, ma mi sentivo di non esser recettivo abbastanza, oppure solo “nel mood” di comprenderle appieno, di gustarle e di farle anche un po’ mie. Magari pescavo qualche frase, trattenevo qualche bello spunto, mi interessavo più alla musica.

Ecco, rimane che ieri, in coda (al solito), ho deciso di fermare il flusso di radio che ascolto da mesi (ogni tanto serve, mi accorgo di perdere attualità importanti, ma il mio cervello, o quel che è, ne ha bisogno… decompressione) e di mettere Little Plastic Castle. Canto tutta la prima, che anche dopo anni ricordo a memoria (per dire che quelle che mi piacciono, mi piacciono così) e poi mi parte la seconda. Sorrido al fatto che si possa iniziare una canzone parlando di un cimitero di schiavi e poi dico “sì”, quando mi scorre nell’evoluzione umana fino ad arrivare alla molto più saggia sedia elettrica.

E allora ascolto e sento le parole che ho sempre limitato a suono, la cui interpretazione ho sempre rimandato. E annuisco e piango e rido e mi ci ritrovo e voglio e sì e ancora e perché e cosa ho fatto e cosa non ho fatto e avrei voluto e avrei potuto e sì e cazzo e ha ragione e non si fa e basta e com’è che non la conoscono tutti e com’è che ho rimandato così tanto tutto questo…

E ti si apre un cacchio di respiro, quando ti accorgi di esserti dimenticato qualcosa di grande, di bello, di utile. E ti accorgi di aver guadagnato forza e di aver vissuto un po’, grazie alle scoperte e alle riscoperte. E ti ricordi quanto sognassi di diventare archeologo, per quel tuo scavare, per quel bisogno di scoprire, di ritrovare, di capire, di imparare.

E ti senti che hai voglia di provare cose, per poi aprirle a chi vuoi che ne sorrida; ti senti che vuoi risentirla, quella canzone, e cantarla sorridendo a chi stai baciando (che è un prurito splendido, quello delle labbra che si vibrano addosso); ti senti che vorresti buttarti e fare quel che ritieni giusto e fondamentale, per lasciarti dietro solo scavi buoni.

Is there anything i could do
about anything at all
except go back to that corner in Manhattan
and dig deeper, dig deeper this time”

Ché c’è sempre quell’egoistica spinta, ma tutti i fuochi che han bisogno di benzina, finiscono per sopravviverti e meravigliano ancora nei musei, nei libri e nella memoria.

Forse è che si è pigri e non si ha più voglia di “provare” o anche solo vedere oltre il 2. Sembra quasi che tutto si limiti a 2. O così, o l’opposto; se non la pensi come me, sei contro di me; se non sei come me, sei sbagliato.

Sarò il solito buonista, ma forse è solo che ne ho pieni i coglioni di questa mania ungulata di pensare di essere chissà quali personalità, uniche, indispensabili e insostituibili. Si cammina dalla culla alla tomba, pensando di valere di più, quanto meno si “conceda”, pensando di essere migliori, quanto più si “appaia”. Poco importa che ogni movimento causi vittime, poco importa che ogni scelta ne precluda di migliori, di peggiori o semplicemente di differenti.

Intendo, siamo qui, fra un po’ non ci saremo più, presto o tardi concimeremo i fiori che i nostri nipoti regaleranno alle vostre nipoti (o ai vostri nipoti, speriamo più liberamente che ora), chi cazzo ce lo fa fare di vivercela male?! E con questo non dico ANARCHIA!! Con questo non dico “vai come un treno”. Dico che tu non hai mica un gran senso qui dentro, io ne ho forse meno di te, ma perché diavolo dovrei rompere, rovinare, graffiare o riempire di rumore un attimo che mi è concesso?! Perché dovrei farlo a qualcun altro?! E lo dico consapevole che ogni persona sia unica, indispensabile e “ingombrante”.

Il limite è quella semplice retta (ché lei è semplice, è seguirla che è un’impresa) che unisce pena di morte e matrimoni gay (è un esempio, le due cose stanno a rappresentare concetti più ampi (lo puntualizzo per non cadere nel gioco della bibbia, da interpretare quando serve e da prender letterale a piacimento)). Intendo, tu hai diritto di farti i casini che vuoi, nel tuo praticello, puoi prendere la vita in giù e ascoltare solo i Dinosaur Jr., spararti quando non ce la fai più (sappi che poi quello che non soffre più, sei solo tu); puoi prenderla senza pensieri, ma proprio senza, con le sue belle conseguenze. Puoi prenderla come vuoi, esser libero di avere quello che deve avere il diritto di avere chiunque altro (e questo è l’estremo “matrimoni gay”). L’altro vertice è che non puoi imporre nulla che vada oltre i diritti umani riconosciuti da una società che voglia prosperare, proseguire, progredire e imparare.

E non è con le sfide, che si affrontano i problemi; non è con preconcetti o religioni, che si guardano le realtà; non è con pretese, che si propongon soluzioni.

E davvero, non lo dico solo perché vedo che le persone non sono più aperte (io sono una persona, lo ribadisco, perché pare sempre che uno parli additando gli altri dall’alto), ma anche perché mi son rotto le palle di dover lottare contro ostacoli autoimposti e non ne posso più di questo viver “per me”.

Io non ho mai provato l’eroina, ma quella, come la nutella, fa male, quindi l’unica cosa che ho provato e che so che PUÒ far star bene chiunque la condivida, la provi, la doni e la viva è quel cazzarola di amore che i cantanti neomelodici pensano di poter stuprare per soldi. E quindi, anche se seguire i principi ad oltranza è da eroi, da pazzi o da idioti (e io eroe non sono), io quel che viene voglio imparare a viverlo in amore… insomma, per te (chiunque tu sia o voglia essere (e puoi essere anche più di 2)).

In culinaria: ottimo:poco salutare=delicato:insapore

Il traffico è direttamente proporzionale alla fretta e all’anticipo con il quale si decide scientemente di partire.

L’insoddisfazione è un bug sistematico nelle previsioni, non nel calcolo.

La temperatura ottimale dell’acqua in doccia è la ricorsione di un differenziale.

La valutazione di una persona non è data dal suo reale valore, ma da quanto essa superi o non raggiunga le aspettative di chi giudica.