Skip navigation

Monthly Archives: luglio 2011

Essendo che son pirla, essendo che mi piacciono le parole, essendo che non so mai scegliere ed essendo che mi sto sul cazzo per quanto io mi lamenti, stamattina son giunto alla conclusione di voler trovare un aforisma che avesse come soggetto il lamentarsi. Sono giunto a due conclusioni: una stupida e l’altra più seria (non che manchi di idiozia… intendiamoci, è solo meno frivola). Chissà quale andrebbe scelto.

Lamentarsi è come puzzare, lo fanno in troppi ed è più dannoso che inutile.

Lamentarsi è come morire, lo fanno in troppi e mai chi dovrebbe.

Che avessi sta roba agli occhi, ormai, si sapeva. Son quattro o cinque anni che ad ogni esame mi dicono “ce l’hai”, come all’asilo e ogni anno mi toccano per ricordarmelo. Quest’anno, per la legge dei grandi numeri, è capitato che è saltata la puntina.

Ci sarebbe gente pronta con gli avvocati e tutto quanto, ma sarà che tutte le oculiste che m’han visitato erano bellissime, a me che abbiano sbagliato l’ultimo esame, importa poco. Intendo, m’han fatto 5 fotografie uguali e poi la sesta è venuta mossa. Capita. Ci si è spaventati un po’, ma poi passa tutto e ci si ghigna su.

Dopo la visita preliminare della scorsa settimana, quella di routine con le gocce sbarellanti, che a guidare mi sentivo Homer sotto l’effetto dei peperoncini allucinogeni, stamattina sono andato a farmi analizzare un po’ meglio. Servon macchinari un po’ sofisticati: per una malattia rara, servono pennelli rari.

Entro nella clinica milanesa, parquet, poltrone in pelle e tutto bianco, segretaria carina, oculista carina, assistente carina, medico-manager molto carino, chirurgo alto e belloccio, sempre di corsa. Mi si fa accomodare e penso: “ho lasciato il libro in macchina”, ma faccio in tempo a scrivere un messaggio e farmi un po’ i cazzi dei ricconi che c’erano di fianco a me, prima di sentirmi chiamare dall’assistente. Gentili e carine, mi fanno due esami, una roba piena di cerchi concentrici rossi, poi quella con la casetta nel prato, ma questa ha più dettagli, alberi a più profondità e siepi e colline.

Torno in sala d’attesa, mi risiedo mezzo minuto e vedo passare il mio referto in una cartella bianca, s’apre la porta del mio dottore e vengo chiamato. Spiegazione di come siano più precise queste analisi, di come sia stato possibile l’errore dell’ultimo esame, analisi delle possibili diagnosi, postulazione di un piccolo dubbio. “Vorrei chiedere il parere del chirurgo, è più esperto di me in questa patologia, si accomodi un attimo”.

Alla terza volta non ho nemmeno posato le chiappe sulla poltrona :), il chirurgo mi chiede di entrare nello studio, gli porgo le analisi e dopo 5 anni che mi dicono “hai il cheratocono”, questo osserva 5 secondi le analisi e dice “gli farei un orbscan, possibile pellucida” e se ne va, like a boss.

Stavolta non mi si dice nemmeno di sedermi, vado dritto dalle ragazze. Mi fan sedere davanti a un altro macchinario, stavolta i cerchi son giallo-arancioni e l’analisi è più approfondita ancora.

Altro consulto tra esperti, non faccio ancora in tempo a passare il calore dalle chiappe alla poltrona che: “Savogin!”. Mi siedo e con un fare bellissimo, o forse così sembra a me, il mio dottore mi dice: “ci son buone notizie, non dobbiamo andare a Bologna”, che significa che non dovremo chiedere all’esperto se spatolarmi gli occhi o strapparmeli, ma in un angolo remoto della mia anima mi chiedo: “queste son quelle buone… quelle cattive?!”.

Capita anche che quelle cattive non ci siano, a volte. E pare che io sia il prescelto, stavolta.

Non ho il cheratocono, ho la degenerazione marginale pellucida!

Vista la presenza di altri pazienti, mi si rimanda a capire cosa sia su internet, mi si consiglia una lente a contatto speciale e mi si dice di tornare fra un annetto per il controllo di routine e per vedere se peggiori.

Io, al solito, son lento, e le cose le realizzo dopo. In quel momento sono a otto metri da terra e penso a cose soffici e dolci e carezzevoli e dissetanti e… Penso anche che quasi mi spiace non essere più malato, mi ci stavo abituando all’idea del ballottaggio tra interventino e interventone, che avere una malattia rara ti fa quasi sentire speciale. E penso che c’è un detto, qui da noi, che calza a pennello: “set bon de cagà e gh’è piò da merda”, che più o meno si capisce e dà l’idea dell’esser finalmente arrivati al momento clou e rimanere a braghe calate per nulla.

Volicchio tra le cose che succedono tra me e l’ufficio, guido senza accorgermi, mangio sorridendo anestetizzato e parlando coi colleghi, poi finalmente leggo la spiega su internet e capisco il perché di un piccolo siparietto all’uscita dalla clinica. Il mio medico mi dice che per quanto lo riguarda, non vuole un centesimo, perché è più importante la fiducia e quindi non è uno che manda al macello le persone perché ci guadagna (quanto lo amo), ma mi dice di chiedere alla segretaria per il pagamento degli esami speciali. Mentre mi avvicino al bancone, la ragazza bellina mi guarda come uno yeti, senza battere le ciglia e muovendo solo le orbite, pronta a fuggire o urlare ad ogni mio movimento inconsueto. “S-siamo… siamo a posto c-così… a-arrivederci” (che detto in una clinica oculistica è un ottimo auspicio, a pensarci bene).

Insomma, ho scoperto che se prima pensavano avessi una malattia rara, ora sanno che ho una malattia SCONOSCIUTA! :):):):)

Un po’ come i pezzi d’antiquariato, ci sono gli oggetti comuni che hanno un valore, quelli non comuni che valgono di più, poi quelli rari che sfiorano il ridicolo e poi i pezzi unici… ecco, io non son nessuno di questi… eheh. In realtà la spiega ufficiale è che l’eziologia è sconosciuta, che non significa che su tutte le persone che si chiamano Ezio non è mai accaduto, ma che non si conoscono le cause della malattia. E se non si conoscono le cause, le cure sono un po’ come sparare col mortaio per uccidere le zanzare, o pulire il monte Bianco con una salviettina.

Poco importa, rimane il fatto che respiro più tranquillo, che stanotte recupererò il sonno perso ieri notte (non sono il principe di Condè) e che tutto è bene quel che si rimanda bene.

Mi rimane un’unica domanda di pura logica, però: COME CACCHIO SI FA AD AVERE UNA COSA SCONOSCIUTA?!

Dovrebbe esser semplice, perché a una certa età uno ha visto e vissuto tante cose, quindi c’arriva. Ma forse è anche quello il bello e il senso della cosa. La totale incertezza e l’incapacità d’affrontarla, rendono l’esperienza ancora più perfetta. A volte fa male, ma è tutto parte della sfera.

Tu sai che quel viso è troppo bello per sorriderti, quindi ti sorprende lo faccia. Sai che chi ha quello ed è così, spesso non riempie quel bello di altro, oppure pretende, oppure ci gioca, lo sfrutta; quando poi ti trovi umiltà o reale modestia, non puoi che scioglierti in calore sorriso.

Ho sempre avuto problemi a scindere bellezze. Mi son sempre trovato ad amare persone piene, fossero esse belle, brutte o medie, poco importava. Ho sempre apprezzato la bellezza, certo, l’uomo saccheggia continuamente la realtà e l’occhio vuole la sua parte; c’è sempre quell’istinto che porta a dare troppa importanza a questo particolare, ma la natura e l’esperienza m’hanno portato a imparare.

L’esperienza m’ha fatto capire quanto si possa perdere, nell’ordine d’amicizie, sostegno, fiducia e pace, per un egoistico prendersi tutto.
La natura m’ha regalato un sistema immunitario strano, ma che mi piace.

Per prima cosa, nessuno è di nessuno, se non di se stesso (e forse nemmeno, se vogliam esser spirituali); poi la fiducia è un legame importante e rispettarlo va oltre ogni istinto, visto che siamo umani dotati di raziocinio; l’amore e il sesso son due cose distinte, permeabili, ma distinte, entrambe non dovrebbero far male a nessuno, ma solo la prima è così importante da  poter giustificare il male; la bellezza, se non supportata da intelligenza, cura, attenzione o apertura mentale, è caduca e vuota, ma soprattutto non vale l’amore; le aspettative non devono mai perdersi in picchi troppo alti, ma esser sempre di peso concorde a ciò che si dà, siam fatti per deludere, dobbiamo combattere contro questa natura.

Ovviamente non c’è nessuna verità universale, son tutti piccoli passi che seguo, nemmeno troppo bene e nemmeno sempre. Quando ci riesco, me li ripasso e mi ci impegno. Tanto questo è un terreno di gioco infido e si traballa sempre, rompendo giustamente le regole e creandone di migliori. Ogni cosa evolve per natura, mi piace pensare che debbano estinguersi quelle errate o inadatte e debbano prosperare quelle buone e positive.

Sogno, lo so. Ma sempre più spesso mi chiedo che male ci sia ad abbellire ciò che si ha, per gestirlo al meglio, per rendere accettabile quel che c’è di brutto. Sei seduto o sdraiato con qualcuno che merita carezze o abbracci?! non smettere di farne, finché pesa giusto; una persona ti si rivela bella o migliore di quanto non avessi ancora visto?! diglielo, faglielo capire, non fa mai male un rinforzo positivo; quel che succede tra voi non è o non è più quel che speravi?! prendi quel che hai e conservalo, ricordalo, traine forza e non distruggerlo, c’è chi non ne ha mai avuto.

E non dico “è tutto bello”, “sorridiamo” e “vivadio”, non ci credo. So perfettamente che esiston brutture, dolore e peggio, ma quando qualcuno merita il meglio, è giusto impegnarsi per darlo, quando qualcuno non è degno che del peggio, si può evitare di infliggerlo, per dimostrar d’esser migliori, oppure si può evitare la socialità che è pur sempre riconoscimento di merito. Una persona sola, potrà pur sentirsi migliore di tutte, ma non sarà mai felice quanto quella eletta migliore ad abbracci fraterni.

A male si risponde con meglio, per pura pace personale. Ama le persone migliori, le altre buttale a mare. Amare, a volte fa male e fa fare del male. Dal male bisogna fuggire, per circondarsi di persone affini, migliori e che invoglino a dare, ad essere e ad amare. Amale.

Io c’ho sempre in testa quell”‘ok” che mi viene da dire a chiunque mi piaccia. E poi, invece, mi accorgo di notare tutti i lati brutti delle persone che ho intorno, e mi ci impunto, perché non mi è “ok” che faccian quel che vogliono senza rispetto.

Io, quando lo provo e lo sento, non riesco mai a far capire appieno che allargare le braccia, stortare la bocca in un quasi sorriso e un quasi “perché no?!” e poi ridepiangere, è la risposta a quasi tutti i “perché” che ci infliggiamo.

Siamo noi che tendiamo a rovinarci la vita. Tra di noi, con noi. Noi stessi e gli altri.

Io non ho la risposta e non pretendo d’averla. Non son mai riuscito a pensare come fanno tutti che: “se al mondo tutti fossero come me, andrebbe meglio”. Tutt’altro, sarebbe una gran palla (son convinto che questa sarebbe la situazione anche se tutto il mondo fosse come Gandhi o Einstein… si finirebbe per esser tutti uguali e nessuno spiccherebbe o nessuno accetterebbe gli altri, ma vabbeh).

Mi piace pensare che la diversità sia il motore del cambiamento stesso. Vorrei tanto esser sempre ricettivo e pronto a migliorare, imparare e aiutare. C’è bisogno di conoscenza statica e di impulsi dinamici, per costruire cose solide, sempre in evoluzione. C’è poi il bisogno fisico di fermarsi, ogni tanto. In questo periodo sento la stanchezza, quindi mi accorgo di non esser sempre pronto ad accettare. E me ne dispiaccio.

Mi spiace anche non poter rispondere a tutti quelli cui vorrei, scrivere a tutti quelli cui tengo a ribadire i miei grazie, riappiccicare domande, sdraiare risposte e porgere scuse (sempre doverose). Ma forse è il caldo, o forse che non reggo più una sbronza di limoncello e me la porto dietro per una settimana :).

Rimane che quando io ho il mio tempo, ho il mio spazio, ho quel che mi basta (non serve… basta), non so che guardare la pelle, i capelli, i pensieri, le lacrime e il cuoreanimacervello di qualcuno e rimanerne incantato. Hai idee diverse dalle mie?! Ok… Hai bisogni differenti?! Ok… Hai principi discordi?! Ok…

E non per appiattire tutto e non considerarlo, ma per affrontarlo giusto, prenderlo bene e non farne colpa (che non è mai reale o semplicemente utile). Siam somme di pesi e caratteri altrui, siam costrutti infiniti e infinitesimi di reazioni a tutto, siam nulli e fondamentali. Non ci sappiamo capire, ma ci prendiamo troppo sul serio.

Vorrei sempre avere la pace dell'”ok”. Spiace non poterla vivere ogni giorno.

Ci provo.